mercoledì 27 agosto 2008

Ti chiedo un favore

Questo post è rivolto a chiunque abbia due requisiti fondamentali: essere lettore di questo blog e abitare ad Altamura (e dintorni).

Quindi, lettore, mi rivolgo a te con un appello: se ti sto sul cazzo lascia il commento più negativo di cui sei capace, oppure dì tranquillamente "Stefano sei una testa di cazzo" la prossima volta che mi incontri per strada. Unico obbligo in quest'operazione è che devi farti riconoscere, devi dirmi chi sei.

Perdonate questo assurdo post, ma ho bisogno di capire chi è amico e chi non lo è, dato che è difficile saperlo in una città in cui la gente non riesce ad essere schietta neanche sotto tortura e io ne ho piene le palle dei sorrisi di circostanza (io che non ne ho mai voluti fare) e dei molteplici Giano Bifronte che popolano questa tristissima cittadina.

E' più di dieci anni che la gente ha una cattiva opinione di me. Lo capisco e lo accetto, dato che ho un carattere del cazzo e un ego spropositato, non è facile avere a che fare con me. Ma mi preoccupa il fatto che le persone, anche chi non mi conosce affatto e si permette di giudicarmi, vede solo ed unicamente i miei lati negativi, ignorando del tutto le mie (poche) buone qualità e dipingendomi come quel mostro di antipatia, cattiveria e stronzaggine che non sono.

Mi preoccupa anche la persistenza di determinati comportamenti tenuti da determinate persone, atteggiamenti che per loro natura andavano bene ai tempi della pubertà, ma che sono inadeguati e insopportabili se sono attuati da chi ha passato i trent'anni.

Mi raccomando i commenti.