giovedì 6 febbraio 2014

Sony xperia U - Installare la CyanogenMod 9.1



Se, come me, siete possessori di un Sony Xperia U e state inventando nuovi improperi su base giornaliera perché il vostro piccolo smartphone è al limite dell'inusabile allora questo post è diretto a voi.

In questi giorni ho riportato alla vita il mio Xperia U installando la CyanogenMod 9.1 portata dal team FreeXperia su molti terminali di casa Sony.

Per farlo ho seguito la guida riportata sul blog/sito di Tiziano Zullo; la procedura è spiegata in maniera chiara ed è estremamente facile da portare a termine.

Vi do solamente un consiglio in più rispetto alla guida. Nel momento in cui avete installato la CyanogenMod e avete riavviato il telefono, quindi alla fine della procedura, vi consiglio di non partire immediatamente con la configurazione del telefono ma di farlo ripartire in recovery mode. Per questa operazione non dovete far altro che tenere premuto il tasto di accensione (come quando volete spegnere il cellulare) e scegliere "riavvia" e "recovery". Il telefono si spegnerà e ripartirà in recovery mode proprio come in fase di installazione della CyanogenMod. Nella recovery dovete ripetere il "wipe data" e il "wipe cash" esattamente come in fase di installazione. A questo punto riavviate il telefono, procedete pure alla configurazione iniziale e buon divertimento con il vostro "nuovo" smartphone.

Il motivo di questo passaggio in più è che, nel mio caso, la mancata pulizia dei dati e della cash ha reso il mio telefono orfano della connessione dati. Dopo questa semplice operazione tutto funziona alla perfezione.

Le prime impressioni sull'utilizzo del mio Xperia U con Cyanogenmod 9.1:

  • il telefono è spaventosamente veloce, forse anche di più rispetto al momento dell'acquisto
  • l'interfaccia del telefono è fatta molto bene e sotto alcuni aspetti molto comoda
  • il livello di personalizzazione è molto alto, ci sono tante opzioni a disposizione
  • registro qualche lag quando ritorno alla schermata home, il telefono ci mette qualche secondo a "ricostruire" le icone e le widget
  • la ricarica della batteria richiede più tempo per essere portata a termine
  • il consumo della batteria mi sembra, se non aumentato di pochissimo, sostanzialmente uguale; questa è solo una mia impressione, non ho verificato in alcun modo con mezzi "scientifici".
Se procedete con l'installazione fatemi sapere le vostre impressioni.

giovedì 23 gennaio 2014

Eliminare i post non voluti dallo stream di Google+



Se anche voi come me siete stanchi di vedere la vostra home di Google+ invasa da inutili post con immagini di gattini e aforismi stucchevoli, allora questo è il post giusto.

A ben guardare, questi post casuali e perfettamente inutili sono tutti contrassegnati da una piccola icona a forma di fiamma in alto a destra.



Quella icona vi dice che quello è un "tema caldo", ossia un post con (credo) un elevato numero di commenti e/o condivisioni.
Sorvolo sul fatto che un gattino sia un "tema caldo" e che esista là fuori una pletora di deficienti che alla sua vista non riesce a trattenere un commento o, peggio ancora, deve compulsivamente diffondere il felino tramite il proprio stream.

Fatto sta che a me non interessa questo tipo di inutile non-informazione, sono ancor meno desideroso di sapere quanti idioti la trovino interessante e quindi non la voglio sul mio stream.
Fortunatamente esiste un metodo per impedire questo scempio indesiderato. Basta fare quanto segue:

  • accedere alla propria home di Google+
  • aprire il menu a tendina in alto a sinistra (quello dove c'è scritto "home" per intenderci)
  • selezionare la voce  "Temi Caldi"


  • nella pagina Temi Caldi, in alto a destra, fare clic sull'icona dell'ingranaggio accanto alla scritta "Temi caldi consigliati"
  • togliere la spunta alla voce "Mostra i post nello stream Home"



Fatto. Potete godervi il vostro stream epurato dai post inutili.

martedì 19 novembre 2013

Tonelab Companion - Vi presento il mio progetto al prossimo Popup Makers



PopUpMakers è un evento mensile per accelerare connessioni e collaborazioni locali nel movimento dei Maker. Il prossimo appuntamento è il 27 di questo mese, a partire dalle 19:00, presso la scuola Cova in corso Vercelli 22 a Milano.


Visualizzazione ingrandita della mappa

A questo giro partecipo anche io con il mio primo "grosso" progetto basato su Arduino. Ho chiamato la mia creazione Tonelab Companion ed è una pedaliera MiDi che aggiunge funzionalità alla pedaliera Tonelab LE prodotta dalla VOX.

Se mercoledì siete a Milano e avete voglia e curiosità, venite pure a fare un salto.

sabato 16 novembre 2013

Un blog interessante su Arduino



Oggi voglio segnalarvi il blog di Daniele Aliberti, un sito dove potete trovare vari progetti realizzati con Arduino.

Il blog contiene una descrizione dettagliata di ogni circuito realizzato ed è corredato da immagini dettagliate (come quella qui sopra), schemi e schetch pronti da caricare su Arduino.

Un buon sito dove prendere spunto per i vostri progetti.



giovedì 26 settembre 2013

Gestione dispositivi Android - il servizio di gestione da remoto di Google


Google ha reso disponibile un nuovo servizio di gestione da remoto dei dispositivi Android. Il servizio, tramite una pagina web,  permette di conoscere la posizione e l'ultimo utilizzo del proprio dispositivo ed effettuare alcune procedure di sicurezza (in caso di smarrimento o furto).

Per poter utilizzare la gestione remota dei propri dispositivi bisogna innanzitutto abilitarli al servizio. Quello che dovete fare è:
  • aprire l'applicazione Impostazioni Google sul vostro cellulare o tablet
  • selezionare la voce Gestione dispositivi Android
  • spuntare entrambe le voci Localizza questo dispositivo da remoto e Consenti ripristino dati di fabbrica da remoto.
Icona dell'app Impostazioni Google


Completata questa operazione potete collegarvi alla pagina di gestione dei vostri dispositivi https://www.google.com/android/devicemanager. La pagina si presenta come una schermata di maps nel cui angolo in alto a sinistra c'è una finestra con il riepilogo delle informazioni sul dispositivo selezionato (se avete un solo dispositivo verrà visualizzato quello come predefinito) e i pulsanti azione.



I due pulsanti in alto a destra servono rispettivamente a modificare il nome del dispositivo e ad aggiornare le informazioni. In basso ci sono i tre pulsanti azione che hanno le seguenti funzioni:

  • Fai squillare - consente di fare squillare il dispositivo a tutto volume per cinque minuti, anche se è in modalità silenziosa o vibrazione.
  • Blocca - consente di impostare una nuova password del dispositivo in maniera da bloccarne l'accesso.
  • Cancella - consente di eseguire un ripristino dati di fabbrica che elimina in modo definitivo tutti i dati, compresi quelli nella memoria interna (ad esempio le foto, la rubrica, i messaggi, ecc.).
Sull'uso dell'opzione Cancella è doveroso fare due osservazioni molto importanti:
  1. i file sulla scheda SD non vengono cancellati,
  2. questa è un'azione estrema che comporta l'ovvio fatto che, una volta formattato il cellulare, la gestione da remoto (e quindi la localizzazione del dispositivo) non è più disponibile in quanto la registrazione del dispositivo al vostro account Google viene persa al momento del reset.
Un'altra cosa da considerare è che il servizio di gestione necessita che il dispositivo sia acceso e connesso a una rete (sia essa wifi o connessione dati); quindi se il dispositivo è spento o disconnesso non è possibile gestirlo da remoto.